logo Cantina Wilma senza sfondo.png

Immersa in 8 ettari di terreno è nata nel 2007 ed è un'azienda a conduzione familiare.

Da 2 ettari, Cantina Wilma ottiene i suoi vini da i vitigni di Montepulciano d'Abruzzo, Pecorino Colline Teatine e Trebbiano d'Abruzzo. Da 3 ettari, l'azienda ottiene il suo olio dalla tipologia di oliveto Leccino. In altri 2 ettari l'azienda coltiva il tipico carciofo "Mazzaferrata", il restante terreno è lasciato a bosco.

La lavorazione della campagna, così come la cura della cantina e la vendita dei prodotti, è lasciata alle mani esperte di Maurizio.

 

Una ex grande rimessa o un granaio di qualche anno fa , rimodernato e adattato a cantina dall'imprenditore edile Maurizio Nonno. Scendendo da Chieti in direzione del rione Madonna della Vittoria, la si trova percorrendo una strada sempre più stretta sul filo di una schiena d'asino, da una parte il magnifico panorama sul cuore pulsante d'Abruzzo: la vallata del fiume Pescara, dall'altra parte un ignaro paesaggio agreste silenziosamente cullato dal sole caldo al tramonto.​​​

Ambiente grazioso, accogliente e curato. Il tetto è di legno con travi a vista , dietro il cancello si nasconde l'anima dell'azienda la cisterna e i vinificatori.

#CantinaWilma #wine #abruzzo
#CantinaWilma #wine #abruzzo

press to zoom
I nostri vini 🍷__#cantinawilma #ilvinod
I nostri vini 🍷__#cantinawilma #ilvinod

press to zoom
Il gusto dell'e..
Il gusto dell'e..

press to zoom
#CantinaWilma #wine #abruzzo
#CantinaWilma #wine #abruzzo

press to zoom
1/3
Dalla vite nasce l'uva..e dall'uva il vi

Tutta la linea de Il Vino di Donna Tethi è interamente biologica. I vini vengono prelevati direttamente dalla botte e messi in bottiglia senza subire chiarifica e filtrazione e senza essere stabilizzati.

La naturale vinificazione con lieviti autoctoni e l’affinamento sulle fecce fini in solo acciaio ne mettono in risalto i caratteri territoriali.

La linea denominata "Vino di Donna Tethi" rende omaggio al nome della madre di Achille che la legenda racconta aver fondato la città di Chieti dandole il nome di Teate in onore proprio della sua generatrice.